Tag Archives: consigli

Ecco 4 consigli che ti faranno dire addio all’eccessiva condensa sulle tue finestre

Condensa finestre Pavanello Serramenti

È inverno.

Fuori fa freddo.

Sei appena tornato a casa da una lunga giornata di lavoro e vuoi solo rilassarti, disteso sul divano, guardando il tramonto dalla tua finestra.

Ma c’è una cosa che non ti permette di farlo, perché limita la tua visuale. Distorce i favolosi colori del tramonto.

Si chiama condensa ed è uno dei problemi che si presenta più frequentemente nelle nostre case.

Condensa eccessiva? Ecco alcuni consigli pratici per risolvere il problema!

condensa consigli

Durante i freddi mesi invernali, accade spesso di trovare condensa sulle finestre. È un fenomeno naturale che avviene quando la temperatura interna della casa è molto più alta rispetto a quella dell’ambiente esterno, portando alla formazione di goccioline d’acqua sui vetri.

Come impedire agli agenti atmosferici di danneggiare i tuoi serramenti

Quando effettui un nuovo acquisto non puoi dare per scontato che questo mantenga le sembianze che aveva il primo giorno, senza che tu debba alzare un dito per preservarne l’integrità. Vale per tutte le cose, dalle scarpe ai computer, dagli elettrodomestici ai serramenti.

Quest’ultimo è il nostro campo, ed è proprio il tema della manutenzione che tratteremo adesso. Per i serramenti i principali nemici della loro ottimale preservazione sono gli agenti atmosferici: il sole e la pioggia infatti sono i maggiori responsabili del deterioramento delle installazioni, in particolare per quelle rivolte ad ovest e a sud e nelle finestre localizzate a filo facciata, più esposte al ristagno della pioggia.

Lo smog è un altro fattore altamente dannoso nei confronti delle nostre facciate. Esso determina un’acidità superiore delle acque piovane che, entrando in contatto con lo smalto dei serramenti, ne può intaccare la verniciatura e danneggiarla. Per queste ragioni, osservate i seguenti consigli pratici per una pulizia intelligente.

manutenzione-serramenti

Prima di tutto, non allarmatevi: non dovete comprare prodotti particolari, basteranno un panno morbido e del detersivo per piatti diluito in qualche litro di acqua tiepida. In questo modo otterrete un ottimo risultato nella manutenzione delle superfici verniciate, garantite fino a dieci anni da Pavanello Serramenti. Mentre effettuate la pulizia, avrete modo di controllare se c’è un’eventuale presenza di screpolature nella vernice generate da grandine o altri agenti, che potrebbero lasciar filtrare pioggia e umidità. In questo caso, il problema sarà facilmente risolto applicando uno strato di vernice con un pennellino e ripristinando lo stato originale.

Per la pulizia delle ferramenta invece, non occorre utilizzare detersivi o altri prodotti come solventi, alcool o soluzioni abrasive in quanto possono danneggiare le superfici verniciate e quelle degli accessori. Allo stesso modo, anche l’utilizzo di strumenti a vapore è altamente sconsigliato per gli stessi motivi.

Scegliendo Pavanello avete scelto il meglio, perché ci teniamo che la performance dei vostri serramenti si mantenga sempre ottimale proprio come il primo giorno.

 

Marco-Pavanello21-436x291

Marco Pavanello

Direttore Commerciale

5 consigli per risparmiare sulla bolletta

Uno studio di HomeServe Italia, filiale italiana della multinazionale di servizi di assistenza domestica, ha rilevato in un recente studio che una costante e attenta manutenzione della propria abitazione può generare fino al 20% di risparmio sui costi di energia e intervento da parte di tecnici specializzati. In più si riporta che un terzo dei guasti lamentati al call center dell’azienda poteva essere evitato con una manutenzione più costante nel tempo.

Di seguito riportiamo una serie di consigli da mettere in pratica nel periodo primaverile, per ottimizzare l’efficienza della propria abitazione e metterla in sicurezza.

1. Caldaia

Il primo consiglio è anticipare i tempi sulla revisione. È bene effettuarla in primavera, dopo l’uso intensivo cui è stata sottoposta nei mesi freddi, ed evitare di posticipare la revisione obbligatoria all’autunno, quando i tecnici sono meno reperibili perché sommersi dal lavoro. In più HomeServe suggerisce, per ottenere fino al 5% di risparmio in bolletta, di abbassare la temperatura massima dell’acqua sanitaria ad un massimo di 40°, livello più adeguato al clima mite.

2. Impianto idraulico

Nei mesi invernali le tubature vengono sottoposte ai pericoli di ruggine e gelo, specialmente per quanto riguarda le seconde abitazioni al mare o in montagna che restano chiuse per molto tempo. Anche in questo caso, anziché aspettare l’ultimo momento prima del loro utilizzo, è bene prevenire il problema e revisionare l’impianto approfittando della buona stagione.

3. Aria condizionata

Anche in questo caso, per evitare la triste sorpresa di scoprire problemi nel raffreddamento della temperatura nel momento in cui se ne ha più bisogno, è meglio prevenire contattando un tecnico. Attenzione anche alla verifica dei filtri, pulendoli o cambiandoli, per un adeguato filtraggio dell’aria.

4. Impianto elettrico

Sarebbe un’attività da effettuare tutto l’anno, ma approfittate della revisione generale per dedicare attenzione ai cavi di alimentazione dei vari elettrodomestici, specialmente quelli di uso più frequente, i quali potrebbero presentare fini scoperti o danneggiati in prossimità delle prese. In più si consiglia di evitare l’uso di prese multiple e preferire le ciabatte omologate, facendo attenzione a non collegare elettrodomestici ad alto assorbimento di energia che potrebbero generare un corto circuito.

5. Gli esterni

Nel periodo invernale, più di ogni altro aspetto è l’esterno dell’abitazione ad essere più soggetto ai possibili danni delle basse temperature e delle intemperie invernali. Per questo è bene controllare le tegole del tetto, le piastrelle di terrazze e balconi così come i cancelli (specialmente le rotaie) e gli infissi che, usurati dal tempo possono non garantire un efficiente mantenimento della temperatura interna, costringendovi a sprechi energetici evitabili.

Perché dunque non iniziare da quest’ultimo punto? Gli infissi Pavanello garantiscono efficienza, sostenibilità e durabilità nel tempo. Contattaci.

Le 5 regole per rendere il tuo ufficio più green

In ufficio passiamo oltre 8 ore al giorno, 250 giorni all’anno per un totale di 2000 ore ogni anno.

Passereste ore in un posto dove la qualità dell’ambiente non è per nulla presa in considerazione, anzi, è messa decisamente in secondo piano (se non ultimo)?

Questa purtroppo è la condizione di quasi tutti gli uffici e ambienti lavorativi della società moderna: locali semplici, spartani a volte, votati solamente alla produttività e all’efficienza. Ma c’è un tipo di efficienza che non viene mai tenuta in considerazione, un fattore che se sfruttato bene può aumentare notevolmente la produttività.

Parliamo della qualità dell’ambiente. Sale insalubri, poco ricambio d’aria (se non addirittura assente), concetto di ergonomia inesistente, gestione scorretta dei rifiuti, consumo di carta sconsiderato e attrezzature inefficienti: questa è la condizione dei moderni posti di lavoro. Ma c’è una via d’uscita.

Ognuno di noi infatti, nel proprio piccolo, può contribuire a rendere un po’ più green il proprio ufficio. È semplice, basta seguire queste semplici regole!

1 Stampante? Abolita!

Il problema della carta è uno dei principali fattori che remano contro la sostenibilità dell’ecosistema ufficio. Non solo spreco di carta, ma anche spreco di risorse da parte dell’azienda. Senza contare poi lo smaltimento della carta. Utilizza di meno la stampante: siamo nel 2016 e con sforzi economici minimi si può facilmente passare dalla carta al digitale. In modo totale.

2 Come raggiungi il tuo posto di lavoro?

I mezzi di trasporto sono una piaga per l’ambiente: spesso, anche se in realtà non c’è una necessità impellente, siamo portati ad utilizzare la macchina quando invece potremmo andare a lavoro in bici, con i mezzi pubblici o a piedi. In questo modo non salveremo soltanto l’ambiente, ma potremo anche bruciare un po’ di calorie!

3 Differenzia per differenziarti!

Fai la raccolta differenziata? Basterà avere diversi cestini e prestare più attenzione a cosa buttiamo. Un gesto semplice che farà la differenza!

4 Piantala!

Porta qualche pianta in ufficio: ciò migliorerà notevolmente la qualità interna dell’aria e si potrà anche abbassare la concentrazione di formaldeide, di VOC e la presenza di cattivi odori.

5 Lavora da casa

Hai mai sentito parlare di telelavoro? Si tratta di svolgere tutte le attività che normalmente fai in ufficio a casa. Secondo recenti ricerche, lavorare in un posto che sentiamo come “nostro” contribuisce a prestare più attenzione all’ambiente e a ridurre gli sprechi. In più contribuirai a limitare le emissioni legate ai mezzi di trasporto e riuscirai ad abbassare del 20% la tua impronta di carbonio.

6 Più aria, più idee!

Ricambia spesso l’aria in ufficio: far circolare l’aria contribuisce a rendere l’ambiente più sano e combatte la presenza di germi e aria viziata. Diversi studi hanno dimostrato come l’aria esterna, anche se piena di smog, è comunque più sana di quella che ristagna all’interno. E noi, di finestre, ne sappiamo qualcosa!

Desideri maggiori informazioni?

Dichiaro di aver letto l'informativa ed acconsento al trattamento dei dati ai sensi del D.lgs. n. 196/2003
> Desidero essere contattato