<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=121856988253632&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

   28/02/2022      Prezzi & Detrazioni

>  Superbonus 110 e detrazioni infissi cos'è cambiato nel 2022

SUPERBONUS 110 E DETRAZIONI INFISSI COSÈ CAMBIATO NEL 2022-1

È da un po’ che stai pensando di sostituire i tuoi infissi e ti stai chiedendo se anche nel 2022 sono previsti i bonus di cui tanto abbiamo sentito parlare nello scorso anno? La risposta è sì, anche quest’anno puoi dare un nuovo volto alla tua casa e migliorarne le prestazioni energetiche avvalendoti dei bonus attualmente fruibili. Superbonus e detrazioni infissi: ecco tutte le conferme e le novità del 2022.

La Legge di Bilancio 2022 ha confermato il Bonus infissi per tutto il 2022. In realtà il Bonus infissi non è di per sé un incentivo vero e proprio, bensì la possibilità di detrazione infissi usufruendo di altri bonus previsti per la casa. I bonus di riferimento, anche per il 2022, restano Superbonus 110%, Ecobonus e Bonus Ristrutturazione. Scopriamo cosa cambia, quali sono le scadenze attuali e l'iter per accedere alle agevolazioni.

 

Indice dei contenuti

Bonus di riferimento per detrarre gli infissi

Cosa cambia rispetto al 2021

Nuove scadenze

Come accedere alla detrazione

 

 

Bonus di riferimento per detrarre gli infissi

  • Bonus Ristrutturazione

Permette di ottenere una detrazione pari al 50% delle spese sostenute, per un importo massimo di 96.000 euro, divisa in 10 rate annuali. 

  • Ecobonus

Permette di ottenere una detrazione pari al 50% delle spese sostenute. Il tetto in questo caso è di 60mila euro su 120mila euro di spesa. Per usufruirne, la sostituzione infissi deve migliorare le prestazioni energetiche in termini di efficienza termica, perciò sono incluse non solo le finestre, ma anche porte di ingresso, porte finestre, persiane, avvolgibili, tapparelle, tende da sole (se orientate a nord) e pergole. gli interventi devono essere di sostituzione e non di nuova installazione. I lavori per cui chiedere la detrazione sono da considerarsi comprensivi di interventi di muratura e prestazioni professionali.

  • Superbonus 110%

Il Superbonus vuole una riqualificazione energetica dell’edificio, e la sostituzione infissi vi rientra come intervento trainato, per cui non potrai utilizzarlo da sola. Il tetto massimo per la sostituzione degli infissi è di 54.545€.

 

 

Cosa cambia rispetto al 2021

Sono poche le modifiche rispetto a un anno fa: come modalità per usufruire delle detrazioni restano lo sconto in fattura e cessione del credito in luogo della classica detrazione Irpef. La novità è che nel caso di interventi al di sopra dei 10.000 euro saranno necessari visto di conformità e asseverazione.

Inoltre, il decreto Sostegni-ter ha posto un limite alla cessione del credito d’imposta, che potrà quindi essere ceduto una sola volta, sia da parte dei beneficiari della detrazione che da parte dei fornitori che ricevono il credito o praticano lo sconto in fattura. Il decreto ad oggi deve ancora essere convertito in legge.

Per quanto riguarda il Superbonus 110, inoltre, è stata introdotta l’equivalenza nella consegna dei lavori tra interventi trainanti e trainati che dovranno rispettare un ben preciso arco temporale.

 

Nuove scadenze

Le scadenze variano a seconda del bonus scelto per la detrazione:

  • Bonus Ristrutturazione: 31 dicembre 2024
  • Ecobonus: 31 dicembre 2024
  • Superbonus per le abitazioni unifamiliari: 31 dicembre 2022, a patto che entro il 30 giugno 2022 sia stato completato il 30% dei lavori.

 

 

Come accedere alla detrazione

In primis va indicata la tipologia del bonus infissi prescelto, collocando l’intervento per la sostituzione di infissi nell’Ecobonus, Superbonus o Bonus ristrutturazione. Dopodiché è necessario inoltrare all’ENEA, entro 90 giorni dalla fine degli interventi, la scheda descrittiva dell’intervento tramite sito. Nel frattempo è necessario aver effettuato il pagamento tramite bonifico per sostituzione infissi, ma attenzione: deve trattarsi di bonifico bancario o bonifico postale speciale, dal momento che quello ordinario non è sufficiente. Dal bonifico deve risultare:

  • Causale del versamento (basta numero e data fattura)
  • Codice fiscale di chi usufruirà della detrazione
  • Codice fiscale o numero partita Iva della ditta venditrice

Infine potrai inviare la pratica all’ENEA per via telematica, accedendo al sito ufficiale.

 

La proroga del bonus infissi è stata dettata dalla volontà di incamminarsi verso un futuro più sostenibile, avvicinando ognuno di noi a un uso più consapevole e responsabile dell’energia. Gli infissi svolgono infatti una parte importante nella diminuzione delle dispersioni termiche, permettendo una drastica riduzione dei consumi energetici. Sostituirli e regalare alla propria casa una nuova veste, migliorarne il design e allo stesso tempo contribuire alla causa ambientale è davvero una bella opportunità, soprattutto ora che puoi beneficiare delle detrazioni.

Per avere tutti i dettagli su Superbonus, Sconto in Fattura, Cessione del Credito e sui benefici fiscali alternativi per sostituire le tue finestre, scarica e leggi la nostra guida gratuita.scarica la guida gratuita

Laura Pavanello

Scritto da: Laura Pavanello

Da sempre nell’Azienda familiare, ha contribuito attivamente all’evoluzione della stessa, specializzandosi in tutti gli aspetti legati alla gestione amministrativa e finanziaria d’azienda, con particolare attenzione alla tenuta dei “bilanci societari”. I suoi punti di forza sono una spiccata dedizione al lavoro che, unita ad un grande rispetto delle regole e delle persone, le hanno permesso di sperimentare concretamente il lavoro per obiettivi.

New call-to-action

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG