<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=121856988253632&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

   16/07/2021      Esperto Consiglia, Sostituzione Finestre

>  Infisso antieffrazione: i 3 elementi che fanno la vera differenza

INFISSO-ANTIEFFRAZIONE--I-3-ELEMENTI-CHE-FANNO-LA-VERA-DIFFERENZA

Spesso ci capita di venire contattati a seguito di furti o danni, e il più delle volte ci accorgiamo che lo scassinamento è stato compiuto in uno dei metodi più conosciuti da noi serramentisti.

Per ridurre i rischi e fermare i malintenzionati, durante la scelta e l’istallazione degli infissi è sufficiente prestare attenzione a 3 elementi fondamentali che ci permetteranno di realizzare un vero e proprio infisso antieffrazione.

 

I 3 elementi chiave per costruire un infisso antieffrazione ad hoc

Al contrario di quanto comunemente si pensa, più dell’85% delle infrazioni avviene attraverso la forzatura delle finestre e generalmente i ladri utilizzano 3 sistemi:

punti-effrazione

 

Rompere i vetri

Il primo metodo, nonché il più classico, è la rottura del vetro.

In genere questa tecnica non viene utilizzata con infissi di recente fattura perché implica sia molto rumore per rompere il vetro sia molto lavoro da parte del ladro. I serramenti attuali infatti, sono comunemente costruiti in maniera robusta e già di per sé scoraggiano il ladro ad entrare. Non per niente la percentuale di effrazione compiuta con questo modo nel tempo è scesa a meno di un 5% e riguarda principalmente finestre vecchie con vetri sottili in abitazioni di periferia.

In linea di massima già un buon doppio o triplo vetro è sufficiente per scoraggiare i ladri. Per eccesso di scrupolo è comunque possibile optare per un vetro anti-vandalico, ma anche un vetro di sicurezza base può rappresentare già una buona soluzione.

 

Forzare la ferramenta

È il sistema più utilizzato: quello di scardinare proprio la finestra forzando la ferramenta con un cacciavite robusto piuttosto che con un piede di porco (meno comune poiché ingombrante e poco pratico).

L’effrazione viene effettuata inserendo questo arnese tra la parte fissa di un serramento (telaio) e la parte mobile (anta).

Per prevenire questo rischio è consigliabile installare una solida ferramenta antieffrazione.

 

Ruotare la maniglia dall’esterno

Terzo e ultimo dei sistemi più conosciuti e utilizzati dai ladri, è quello di azionare la maniglia della finestra e quindi aprirla dall’esterno. Ti stai chiedendo come?

Questa tecnica richiede di praticare un foro subito sotto la maniglia lato esterno in modo da infilarci un fil di ferro e con questo girare comodamente la maniglia stessa.

È un sistema molto utilizzato perché più veloce e silenzioso dei precedenti. In più consente di fare tutto in pochi attimi.

Esiste una soluzione?

Si, in commercio si possono trovare maniglie antieffrazione munite di chiave o pulsantino di sicurezza (anche a scomparsa nel caso). Questo tipo di maniglie impediranno di ruotare la maniglia da fuori, poiché sarà necessario anche spingere questo pulsantino o girare la chiave.

In questo video ti spiego meglio in cosa consiste questo sistema.

 

 

Scegliere i migliori sistemi di difesa per i serramenti

Se stai valutando l’acquisto di nuovi infissi presta attenzione anche a questi dettagli, perché spesso sono proprio i dettagli a fare la differenza. Optare per vetri robusti, ferramenta antieffrazione e maniglie sicure è indubbiamente la strategia più semplici per ridurre i rischi.

 

Se è la sicurezza la risposta che cerchi noi possiamo aiutarti con finestre a prova di ladro realizzate su misura in base alle tue esigenze.

Scarica la nostra guida alla scelta e scopri tutte le caratteristiche di tuo interesse.

New call-to-action

Marco Pavanello

Scritto da: Marco Pavanello

Dopo la laurea in marketing, inizia ad occuparsi del ramo commerciale dell’azienda di famiglia, capendo ben presto l’importanza della consulenza come fase indispensabile per garantire comfort e benessere abitativo ai propri clienti. Segue costantemente corsi di aggiornamento per migliorare la conoscenza dei materiali di costruzione e si occupa anche in prima persona della formazione dei distributori, partecipando a corsi e convegni pubblici con progettisti. Ama tutto ciò che è naturale e rispetta l’ambiente.

New call-to-action

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG