<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=121856988253632&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

   27/11/2019      Efficienza Energetica, Materiali & Finiture

>  Legno per serramenti: quale essenza scegliere e perché

legno-per-finestre-quale-essenza

Se in genere siamo più orientati a scegliere un prodotto in base al colore o al solo valore estetico, quando si tratta di legno per serramenti non possiamo limitarci alle sue caratteristiche esteriori, ma dobbiamo andare in profondità. Per questo le proprietà del legno si chiamano essenze: perché vanno a raccontare nel dettaglio le particolarità di un prodotto vivo e unico in ogni sua parte.

Scopriamo insieme quali sono e come possiamo valorizzarle al meglio nella nostra casa.

Legno per serramenti: le essenze principali

Scegliere gli infissi per la propria casa non è semplice, soprattutto se si desidera usare un elemento naturale. Il legno per serramenti, infatti, segue le caratteristiche delle essenze che lo compongono e va ad esaltarle all'interno dello spazio: tutti i vantaggi dei serramenti in legno, quindi, sono strettamente legati alla pianta d'origine, sia essa della famiglia delle conifere o delle latifoglie.

 

I vantaggi del legno per serramenti: le conifere 

A far parte di questa famiglia sono pino, abete e larice, tre essenze caratterizzate da una proprietà: la morbidezza. Se questo dettaglio può sembrare secondario, in realtà la morbidezza è fondamentale quando si parla di di isolamento termico: infatti, essendo appunto più tenero, un legno per serramenti in essenza di conifere è un ottimo isolante, perché trattiene più aria.

Oltre al materiale ci sono altri elementi che aiutano a isolare le finestre dal freddo rendendo la casa più funzionale a livello energetico: scopri i nostri consigli su come scegliere infissi più efficienti e ricorda che questo è un requisito essenziale per poter richiedere le specifiche detrazioni fiscali, risparmiando fino al 50% della spesa.

Le conifere sono estremamente efficienti, ma hanno un difetto legato alla loro origine: la durata nel tempo inferiore. Tuttavia, se a livello grezzo non raggiungono i tempi delle latifoglie, una volta trattate e verniciate anche questo difetto si risolve con facilità: la vernice infatti va a sopperire alcune carenze nel materiale, perché contiene protettivi indicati per il tipo di legno utilizzato. Il legno per serramenti quindi, anche realizzato in queste varianti, garantisce un durevolezza rilevante.

 

La naturale resistenza del legno per serramenti da latifoglie

Rovere, frassino e meranti: queste le essenze per serramenti che fanno parte della famiglia delle latifoglie, caratterizzate per essere un legno per serramenti duro. Questa particolarità, se da un lato le rende meno efficienti a livello di isolamento termico, dall'altro garantisce maggior durevolezza del materiale, rendendo il legno per serramenti da latifoglie un prodotto resistente già a livello grezzo... prima ancora che trattato.

Le essenze di legno, infatti, vanno valutate sia all'inizio che alla fine della lavorazione, per capire se, al di là dell'estetica, le potenzialità di ogni singolo prodotto si sposano con le nostre esigenze e definire come valorizzarle al massimo per dare all'ambiente la funzionalità ricercata, anche grazie ai consigli degli esperti.

Non va dimenticato, infine, che a garantire i massimo dell'efficienza è anche una corretta posa in opera degli infissi, che va ad influire sulla loro funzionalità, sulla manutenzione e sulla sicurezza.

 

Colore ed effetti nel legno per serramenti

Per scegliere il colore dei propri infissi e, quindi, concentrarsi sulla sola estetica del legno, è necessario abbinare il legno per serramenti agli arredi della casa, oppure creare un contrasto raffinato e studiato nei dettagli. Per aiutare i propri clienti in questa scelta Pavanello ha un asso nella manica speciale: il tintometro, che va a definire con precisione il colore ricercato calcolando le percentuali di composizione.

Oggi, inoltre, molti serramenti vengono laccati dopo la spazzolatura: una tecnica con cui si mantengono le venature e le fiammature del legno anche dopo la verniciatura, in modo da evidenziarne la naturalezza e i disegni originari. Un effetto moderno e adatto a design più attuali!

 

Per conoscere le essenze e le caratteristiche più importanti delle nostre finestre, scarica la guida all'acquisto: potrai vedere nel dettaglio la ricerca, l'esperienza e la passione che mettiamo in ogni singola componente dei nostri serramenti.

scarica la guida all'acquisto finestre

Federico Pavanello

Scritto da: Federico Pavanello

A soli quattordici anni, inizia a muovere i primi passi in azienda osservando i maestri falegnami all’opera. Dopo il diploma da geometra, decide di seguire le orme del padre con l’obiettivo di trasformare la falegnameria di famiglia in una realtà industriale specializzata nella produzione di serramenti. Attualmente ricopre il ruolo di Direttore Generale e si occupa di ricerca e sviluppo della produzione al fine di mantenere l’azienda al passo con i tempi e in linea con le richieste di mercato.

New call-to-action

ISCRIVITI AL NOSTRO BLOG